V. 26 (2020): Lingue, letterature, persone in movimento e in contatto
Articoli

«E io sono in quel numero, benché disutile sia»: l’amicizia tra Lapo Mazzei e Francesco Datini

Pubblicato 2021-05-11 — Aggiornato il 2020-12-01
PDF

APA

Camesasca, G. (2020). «E io sono in quel numero, benché disutile sia»: l’amicizia tra Lapo Mazzei e Francesco Datini. Italianistica Debreceniensis, 26, 120–135. https://doi.org/10.34102/itde/2020/9385

Il notaio Lapo Mazzei (1350-1412) era un corrispondente del mercante pratese Francesco di Marco Datini (1335 circa-1410). Le lettere di Mazzei scritte a Datini dal 1390 al 1410 e pubblicate da Cesare Guasti (1822-1889) sono una fonte importante perché restituiscono uno spaccato significativo della vita e dei rapporti personali di un mercante e di un notaio vissuti in Toscana alla fine del XIV secolo. Lo scopo di questo lavoro è analizzare l'amicizia tra Mazzei e Datini e altre figure importanti attraverso lo studio delle lettere notarili